venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Marche > Proroga per la presentazione delle agevolazioni ZFU al 20 novembre

Proroga per la presentazione delle agevolazioni ZFU al 20 novembre

< img src="https://www.la-notizia.net/proroga" alt="prorga"

Confindustria Centro Adriatico esprime soddisfazione per la decisione del Ministero dello Sviluppo Economico di dare il via alla proroga fino al 20 novembre della scadenza per la presentazione delle richieste per l’accesso ai benefici fiscali e contributivi della cosiddetta “Zona Franca Urbana”.

Si conclude quindi positivamente il pressing di Confindustria nei confronti delle Istituzioni per spostare in avanti il termine ultimo per la trasmissione delle domande.

La richiesta di proroga avanzata più volte da Confindustria, è stata riproposta con forza anche in occasione del seminario tecnico organizzato lo scorso 26 ottobre ad Ascoli Piceno con i tecnici del Ministero dello Sviluppo Economico e di Invitalia.

Nei fatti si raddoppia il termine a disposizione delle imprese per la presentazione delle richieste di agevolazione.

Per le imprese ed i loro consulenti quindi più tempo per prendere dimestichezza con la piattaforma telematica del Ministero dello Sviluppo Economico, per verificare i requisiti soggettivi ed oggettivi previsti per l’accesso alle agevolazioni, per stimare con attenzione gli importi dei carichi fiscali e contributivi da richiedere al Ministero e per calcolare puntualmente il proprio plafond “de minimis” disponibile.

Siamo contenti della proroga relativa alla scadenza per la Zona Franca Urbana che abbiamo fortemente voluto visti i numerosi dubbi interpretativi della norma che siamo riusciti solo da pochi giorni a risolvere” – afferma Simone Mariani, Presidente di Confindustria Centro Adriatico.

Due settimane in più sono importanti anche per verificare con il Governo e il Parlamento – continua il Presidente Mariani – la possibilità all’interno della Legge di Bilancio di prorogare di almeno un anno le scadenze di tutti gli adempimenti fiscali e contributivi nell’area del cratere e di modificare in corsa anche l’impianto normativo della stessa zona franca urbana che va da subito estesa alle imprese che si insedieranno fino al 31 dicembre 2020 e potenziata con l’eliminazione del requisito del 25% di riduzione del fatturato”.

La priorità oggi – conclude il Presidente Simone Mariani – è quella di supportare adeguatamente il sistema delle imprese con misure e provvedimenti straordinari finalizzati alla ripartenza economica e sociale delle aree colpite dal sisma”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *