lunedì, Aprile 19, 2021
Home > Marche > Terzo Dna, lo zio di Pamela: “Assurda questa continua fuga di notizie”

Terzo Dna, lo zio di Pamela: “Assurda questa continua fuga di notizie”

< img src="https://www.la-notizia.net/interprete" alt="interprete"

“E’ assurda questa continua fuga di notizie che rischia di inquinare e compromettere le indagini.Stiamo valutando azioni”. Queste le parole attraverso le quali Marco Valerio Verni, zio di Pamela Mastropietro e avvocato della famiglia, commenta la notizia secondo la quale sul cadavere della giovane, barbaramente uccisa e fatta a pezzi, sarebbe stato rinvenuto il Dna di un nuovo soggetto che nulla avrebbe a che vedere con i nigeriani di cui tre in carcere ed uno a piede libero.

Novità, questa, emersa nella giornata di ieri e riportata ufficialmente anche dall’ANSA. Lo zio di Pamela non entra nel merito delle cose, ma commenta aspramente la diffusione di questa nuova informazione. Il fatto che sia stato ravvisata la presenza del Dna di uno sconosciuto sul corpo di Pamela apre uno scenario imprevisto sulla vicenda. Questo ulteriore elemento d’indagine si evince da una delle perizie dei Ris di Roma. Attualmente dietro le sbarre in relazione al delitto sono Innocent Osgehale, Desmond Lucky e Lucky Awelima. In più c’è un quarto nigeriano indagato a piede libero che si sarebbe dimostrato estremamente collaborativo.

L’esame autoptico effettuato sul cadavere della 18enne romana ha ravvisato due coltellate al fegato che hanno avuto “un ruolo nel determinismo morte”, una lesione profonda “prodotta quando la giovane era ancora a cuore battente” e un colpo inferto alla testa con un corpo contundente in condizioni di vitalità dei tessuti.

E’ chiaro quindi come per i medici legali la morte della giovane sia stata provocata dalle due coltellate inferte al fegato e non da overdose.

Sono in tutto tre le tracce biologiche ravvisate nel corso degli esami effettuati dai militari, di cui la prima appartenente ad Oseghale e la seconda al tassista che però non risulta indagato. La terza è di una persona sconosciuta. Non sarebbe stata trovata invece alcuna traccia degli altri due arrestati – Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 29 anni – e dell’indagato 38enne.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *