martedì, Novembre 30, 2021
Home > Abruzzo > Il Convento dei Cappuccini di Campli ospita il 2 aprile la serata dal tema “Attratti, vittime e prigioneri delle sette”

Il Convento dei Cappuccini di Campli ospita il 2 aprile la serata dal tema “Attratti, vittime e prigioneri delle sette”

< img src="https://www.la-notizia.net/campli" alt="campli"

Martedì 2 aprile, con inizio alle ore 21:00, Casa Famiglia Manuela, Pastorale Giovanile e Famiglia Francescana di Campli organizzano presso il Convento dei Cappuccini di Campli una serata dal tema “Attratti, vittime e prigioneri delle sette”. Ospiti e relatori dell’incontro pubblico e aperto alla cittadinanza saranno Don Aldo Buonaiuto ed il sociologo teramano Dott. Gianni Di Giacomantonio.

La serata è ovviamente aperta a tutti quanti vi vorranno partecipare, ma in particolare auspichiamo e consigliamo la partecipazione a tutti i ragazzi delle scuole medie e superiori considerato che, da recenti studi, i casi di occultismo sono sempre più frequenti in quella fascia d’età” dichiarano gli organizzatori dell’evento. “Ringraziamo inoltre gli ospiti ed i relatori che hanno accettato il nostro invito e siamo lieti di poter ospitare a Campli una delle più importanti figure nazionali ed internazionali del mondo dell’esorcismo e della lotta alle sette come Don Aldo Buonaiuto”.

Ospite d’eccezione e relatore della serata sarà appunto Don Aldo Buonaiuto, sacerdote dal 1998 che, dopo gli studi in filosofia e teologia ha conseguito la licenda di specializzazione in antropologia teologica. E’ parroco e ricopre l’incarico di “Direttore diocesano per i migranti”. Don Aldo svolge inoltre il ministero di Esorcista ed è associato all’AIE (Associazione Internazionale Esorcisti). E’ tra i volti più noti dell’Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII”, ente internazionale di diritto pontificio e grande realtà della Chiesa diffusa in Italia e nel mondo, fondata da don Oreste Benzi. All’interno dell’associazione si è sempre occupato del problema della prostituzione coatta lottando per restituire dignità alle tante donne sfruttate sulle strade, nelle case e nei locali dalle organizzazioni criminali. In tale ambito gestisce una pronta accoglienza per le vittime della tratta e prostituzione.

Ha costituito ed è l’animatore generale del “Servizio AntiSette” dell’Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII” con un suo specifico Numero Verde nazionale 800 228866, creato nel 2002 per aiutare le vittime delle organizzazioni settarie. Tale Servizio collabora con le forze dell’ordine e in particolare con la Polizia di Stato attraverso il Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine che, al suo interno, ha istituito la SAS (Squadra Anti Sette). Il “Numero Verde AntiSette” interagisce con la SAS in tutta Italia per le problematiche inerenti ai culti criminogeni.

Antropologo e demonologo, è tra i principali esperti italiani del fenomeno delle sette occulte svolgendo anche consulenze presso le procure e le forze dell’ordine. Ha pubblicato diversi libri tra cui “Le mani occulte” (editore Città Nuova), “La trappola delle sette” (editore Sempre) e “Halloween. Lo scherzetto del diavolo” (editore Sempre). Scrive numerosi articoli, tiene lezioni e realizza convegni di alto rilievo riguardo alla tematica delle sette e della prostituzione.

Giornalista pubblicista, Don Aldo ha diverse collaborazioni con giornali, agenzia e media nazionali. E’ assistente spirituale dell’ANSI (Associazione Nazionale Scuola Italiana). E’ assistente spirituale del SIAP (sindacato italiano appartenenti Polizia). E’ fondatore e Presidente dell’Associazione “Pace in Terra Onlus” con alcune realtà di accoglienza per le persone più emarginate e negli ultimi anni anche per i rifugiati. E’ Vice-Presidente dell’Associazione “Laudato Si” e tra gli ispiratori del progetto “Lab.Ora per mille giovani”, un percorso di formazione rivolto ai giovani per una nuova “leadership di servizio”.

Don Aldo Buonaiuto è tra i docenti del corso internazionale di insegnamento per esorcisti presso il “Pontificio Ateneo Regina Apostolorum” a Roma in collaborazione con il Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa (Gris). Il corso, istituito annualmente dal 2004, permette a sacerdoti e laici, in particolare medici, psicologi, psichiatri, catechisti, insegnanti, avvocati, di conoscere il tema dell’esorcismo dal punto di vista teologico e scientifico e di aiutare ad affrontare i pericoli delle sette, della magia, dell’occultismo e del satanismo. Sacerdote di “frontiera”, combatte tante battaglie a fianco dei più poveri ed emarginati dell’attuale società. Interviene a due audizioni presso il Senato della Repubblica riguardanti il fenomeno della prostituzione schiavizzata e quello della manipolazione mentale. Organizza, da molti anni, manifestazioni e fiaccolate a favore degli “ultimi”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net