venerdì, Ottobre 23, 2020
Home > Mondo > Kim Jong-un pronto al terzo vertice con Trump. “Ma che non si ripeta Hanoi”

Kim Jong-un pronto al terzo vertice con Trump. “Ma che non si ripeta Hanoi”

< img src="https://www.la-notizia.net/summit" alt="summit"

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, si e’ detto disposto a tenere un terzo incontro al vertice con il presidente americano, Donald Trump, ma solo se gli Stati Uniti modificheranno la loro posizione sull’applicazione delle sanzioni entro la fine di quest’anno.

Le osservazioni di  Kim arrivano il giorno dopo l’apertura di Trump all’idea di incontrarlo nuovamente, sebbene il loro secondo round di colloqui, tenutosi ad Hanoi, in Vietnam, alla fine di febbraio, sia terminato bruscamente e senza un accordo sul disarmo nucleare.

La riunione di Hanoi e’ fallita dopo che Kim Jong-un ha chiesto che Washington eliminasse le sanzioni più penalizzanti imposte al suo paese in cambio di uno smantellamento parziale del programma nucleare, un’offerta che Trump ha considerato insufficiente.

“Sono disposto ad accettare che gli Stati Uniti propongano un terzo vertice tra la Corea del Nord a condizione che si abbia un atteggiamento giusto e si cerchi una soluzione che possiamo condividere”, ha detto Kim.

“Ciò che è chiaro è che se gli Stati Uniti si atterranno agli attuali calcoli politici, ostacoleranno la possibilita’ di risolvere il problema”, ha aggiunto.

Venerdì ha dichiarato che il suo rapporto personale con Trump era “ancora eccellente” e che i due leader “possono scambiare lettere di auguri ogni volta che vogliamo”. Ma ha sottolineato che non si sarebbe mai piegato sotto la pressione americana, esortando il suo paese a prepararsi per un prolungato stallo con gli Stati Uniti finché rimarranno le sanzioni.

“Non ci piace – e non ci interessa – ha spiegato –  la via del dialogo degli Stati Uniti, in cui cerca di spingere unilateralmente le sue richieste”, ha detto. “Non diamo il benvenuto – e non abbiamo intenzione di ripetere – il tipo di incontro al vertice come quello tenutosi ad Hanoi”.

Ha detto che “aspetterà pazientemente fino alla fine dell’anno perché gli Stati Uniti prendano una decisione coraggiosa” di “abbandonare la strada attuale e avviare un nuovo percorso”. Ma non ha detto cosa avrebbe fatto la Corea del Nord se gli Stati Uniti rispetteranno questa scadenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *