martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Marche > Adriatic and Ionian Youth Games, l’inaugurazione ad Ancona

Adriatic and Ionian Youth Games, l’inaugurazione ad Ancona

< img src="https://www.la-notizia.net/adriatic" alt="adriatic"

Grande cerimonia di inaugurazione, oggi pomeriggio attorno alle ore 19, in piazza Cavour, della terza edizione dei Giochi della Macroregione Adriatico Ionica (da quest’anno Adriatic and Ionian Youth Games for social inclusion (Animus).

Un corteo festoso con la partecipazione delle delegazioni dei 16 Paesi coinvolti, prenderà il via alle ore 18 circa in piazza  della Repubblica e risalirà corso Garibaldi fino a piazza Cavour dove, accanto al Youth Games Village,  è  allestito il palco sul quale  saliranno, insieme al Sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli, il portabandiera e una giovane modella con indosso il costume tipico di ogni nazione e  i rappresentanti delle istituzioni che hanno lavorato all’imponente  progetto che quest’anno -grazie al sostegno comunitario ottenuto tramite adesione bando Erasmus+-  ha  interessato anche i ragazzi delle Macroregioni Baltica e Danubiana, per un totale di circa 1000 adesioni. 

Alla cerimonia di apertura faranno seguito nella stessa piazza due grandi eventi ai quali la cittadinanza tutta è invitata:  alle ore 20.15   il fantasmagorico  einedito spettacolo piro-musicale  “ARTE CELESTE” della Compagnia dei folli,   A seguire alle 21.00 si esibiranno nello Youth Games Village, i  SEAN CONERO.

Domani, sabato 28 settembre con inizio alle ore 9 e fino alle ore 17 si svolgerà la fase eliminatoria  delle gare delle 9 discipline di questa miniolimpiade  macroregionale nei diversi impianti messi a disposizione.   Nella stessa fascia oraria, domenica 30 le gare finali.

Alle 10,30 a Palazzo del Popolo  il saluto della Amministrazione comunale alle delegazioni,  nel corso del quale verrà siglato il Patto di amicizia tra il Comune di Ancona e la città serba di Sabac,  due città che già da tempo  collaborano nel settore dello Sport e delle Politiche giovanili,  a partire dalla prima edizione del  progetto “Adriatic and Ionian Youth games”  che si è svolto nel 2014 ad Ancona.     Con il Patto le due città intendono

instaurare legami di amicizia tra le proprie comunità, promuovere scambi di esperienze, iniziative turistiche, economiche, sportive e culturali.

In generale, a tale scopo le Amministrazioni intendono:

  • Mantenere legami permanenti tra le Amministrazioni al fine di promuovere il dialogo ed attuare attività congiunte che possono favorire il miglioramento reciproco in tutti i settori che rientrano nelle competenze comunali;
  • Incoraggiare e sostenere gli scambi tra i concittadini al fine di garantire, attraverso una maggiore comprensione reciproca e un’efficace cooperazione, il vero spirito di fratellanza per il nostro destino comune;
  • Promuovere i valori europei ed universali di libertà, democrazia, uguaglianza e stato di diritto, attraverso i nostri scambi e la nostra cooperazione;
  • Concentrare gli sforzi utilizzando tutti i mezzi a disposizione per sostenere il successo di questo Patto di Amicizia, importante per la pace, il progresso e la prosperità.

Nello specifico, si manifesta la volontà di sviluppare congiuntamente i seguenti settori di collaborazione:

  • Sport e giovani

          Proseguire nel promuovere e valorizzare lo sport in quanto strumento universale per lo

          sviluppo, la pace, l’inclusione sociale;

  • Cultura

          Sviluppare inziative artistiche e culturali (storia, lingua, cultura e tradizioni popolari) allo scopo di approfondire la conoscenza comune;

  • Turismo

Favorire la promozione turistica, anche congiunta, dei rispettivi territori, considerando le peculiarità che li contraddistinguono e i legami storici e geografici all’interno della Regione Europea Adriatica e Ionica (EUSAIR);

  • Europa

Favorire la partecipazione congiunta a iniziative ed opportunità offerte dall’Europa anche per dare un contributo al processo di adesione all’Unione europea della Serbia;

  • Economia

Favorire, per quanto di propria competenza, la conoscenza reciproca dei tessuti economici e l’eventuale incontro tra aziende ed imprenditori ai fini di sviluppare in maniera sostenibile le due città ed i loro territori.

I ragazzi con i loro accompagnatori – arrivati questa mattina- sono alloggiati a bordo di una nave, il traghetto Snav  “Aurelia”, un vero resort galleggiante con tutti i comfort , ormeggiato nel Porto antico- banchina 1.   Al loro arrivo al porto,ai ragazzi sono stati  consegnati un braccialetto lasciapassare ed una welcome bag e sono partiti alls volta della scoperta della città, affiancati dagli studenti di 

Nove le discipline sportive su cui i giovani europei si confronteranno:  atletica, calcio, rugby 7, basket 3×3,  pallamano, tennis, taekwondo, beach volley e pallanuoto,  cui si aggiungono le discipline paralimpiche  hockey su carrozzina, sitting volley e beach golf.

Il tutto con la stretta e capillare collaborazione delle federazioni sportive (CONI) di ciascuna disciplina. 

Gli Adriatic IoNIan GaMes for Social InclUSion  – che si avvalgono della importante supporto della compagnia ADRIA FERRIES-   sono una manifestazione giovane che vede al centro i  giovani,  protagonisti del sistema delle macroregioni, istituzioni “giovani” e dinamiche che vogliono promuovere i territori e le popolazioni d’Europa in una costante iterazione a partire dalle ultime generazioni e dallo sport, veicolo privilegiato per promuovere scambi e amicizie.  Perciò, oltre agli atleti, i Giochi vedono fortemente coinvolti, da mesi, con il coordinamento dell’Ufficio Scolastico regionale e il supporto dello  staff comunale,  circa 400 studenti degli istituti superiori  di Ancona e provincia (Ancona, Falconara, Senigallia e Loreto) impegnati in questi giorni nelle scuole  in incontri di formazione  dell’accoglienza .  Si occuperanno, infatti dell’ infopoint e dell’attività di guide turistiche nonché della comunicazione sui canali social,  già avviata per favorire la reciproca conoscenza tra Paesi e delegazioni, con pubblicazione di schede informative sui Paesi partecipanti, sugli impianti dove si svolgeranno le gare ecc e come reporter  sul campo.  Alle  7 scuole impegnate nei diversi servizi a supporto della manifestazione -il Liceo scientifico “Galilei” e l’IIS “Savoia-Benincasa” di Ancona, l’IIS “Cambi-Serrani” di Falconara Marittima, l’IIS “Einstein-Nebbia” di Loreto, il Liceo scientifico “Medi”, l’IIS “Panzini” e l’ITCG “Corinaldesi” di Senigallia-  si affiacano il Liceo classico “Rinaldini” e l’IIS “Vanvitelli-Stracca-Angelini di Ancona, che contribuiranno questa sera  alla cerimonia di apertura rispettivamente con la partecipazione del coro scolastico e con il confezionamento di splendidi costumi.

Molti anche i volontari  di Protezione civile impegnati nella gestione del grande evento.

In occasione del Progetto al Village  saranno allestiti vari stand:

Infokiosk AI-NURECC/FAIC

Stand E-Twinning/Ufficio Scolastico Regionale Marche

Stand Ufficio Turismo Comune di Ancona

Stand Europe Direct Regione Marche

I  Partner del Comune nel progetto ANIMUS sono molti e importanti:   

 Iniziativa Adriatico Ionica (IAI),  Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio (FAIC), Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio (AIC), Regione Marche, Comitato per le Pari Opportunità della Regione Marche, Camera di Commercio delle Marche, Autorità Portuale del Mare Adriatico centrale,  Marina Militare, Capitaneria di Porto, Ufficio Scolastico regionale delle Marche-MIUR, CONI Marche, Comitato Italiano Paralimpico (CIP), Organizzazione croata del Comitato Paralimpico (CPC), Europe Direct Regione Marche, AICCRE, EURES Marche, SAPE, TECLA, CSV Marche, AVIS Marche, Università degli Studi di Camerino, Università degli studi “Carlo Bo” di Urbino, USSI Marche e  Associazione italiana instagrammers (IGERS).

Il progetto si situa anche all’interno della Strategia europea per la regione adriatica e ionica EUSAIR e della Rete Città Sane dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

MAIN SPONSORADRIA Ferries,  compagnia leader nel trasporto marittimo, specialmente da e per l’Albania, che si è mostrata particolarmente sensibile all’impegno di diffondere un’iniziativa olta alla collaborazione tra Paesi e alla costruzione del senso di appartenenza e consapevolezza  all’interno di una macroregione europea, esaltando il valore  comune dello sport

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net