giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Mondo > Arresto confermato per 9 leader del movimento indipendentista catalano

Arresto confermato per 9 leader del movimento indipendentista catalano

< img src="https://www.la-notizia.net/arresto" alt="arresto"

Puigdemont, dal Belgio, dichiara “è un’aberrazione”.

Nuovo mandato di arresto per l’ex premier catalano Puigdemont, che ora si trova “fuggitivo” in Belgio. L’accusa è di sedizione ed appropriazione indebita, in seguito alla fallita secessione dopo il referendum catalano dell’ottobre 2017. Le accuse sono le stesse rivolte a nove (di dodici) leader politici indipendentisti, questa mattina condannati dalla Corte Suprema spagnola con pene tra i nove ed i tredici anni di carcere. Decadono, almeno momentaneamente, le accuse in merito al reato di “ribellione”, la cui pena può arrivare anche a 25 anni di reclusione.

Tra questi troviamo, oltre all’ex vicepremier Oriol Junqueras, la ex speaker del parlamento catalano Carmen Forcadell, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart, e gli ex ministri Dolors Bassa, Joaquim Forn, Raul Romeva, Jordi Turull e Josep Rull. I tre imputati non condannati alla detenzione invece sono Carles Mundó, Meritxell Borràs, Santi Vila, per i quali sono previste solo delle ammende.

Questa sentenza della Corte Suorema spagnola, arriva ad appena due anni dagli eventi, in seguito ad un processo durato appena quattro mesi, con oltre cinquanta udienze trasmesse in diretta streaming. Puigdemont definisce tutto ciò nientemento che un’”aberrazione”, ma non chiarisce se si presenterà al cospetto della Corte spagnola per essere giudicato.

Andrea Zappelli