mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home > Marche > Ascoli Piceno, istituito il registro della bigenitorialità: “La Lega sempre attiva in tema di sostegno alle famiglie”

Ascoli Piceno, istituito il registro della bigenitorialità: “La Lega sempre attiva in tema di sostegno alle famiglie”

registro della

ASCOLI PICENO – Nella seduta consiliare del 29 gennaio del Comune di Ascoli Piceno si è aggiunto un altro importante tassello al mondo della famiglia: con voto unanime è stato istituito il Registro Comunale della Bigenitorialità.

La tematica era già stata affrontata e votata la scorsa settimana nella Commissione Politiche Sociali, presieduta dalla leghista Elena Stipa, la quale sostiene con entusiasmo il risultato ottenuto: “Posso affermare con soddisfazione che in materia di Politiche Sociali siamo partiti davvero con il piede giusto. In pochi mesi abbiamo istituito il Garante per i Diritti dell’infanzia e adolescenza, primo Comune della Regione Marche, ed ora si introduce il Registro della Bigenitorialità, uno strumento volto a garantire il diritto dei figli ad avere un rapporto continuativo ed equilibrato con entrambi i genitori, ancorché separati.

Queste tematiche mi sono particolarmente a cuore non solo per il ruolo istituzionale che ricopro e per il fatto di essere madre, quindi pronta a sostenere ogni intervento che possa essere di aiuto ai minori, ma anche perché, come esponente del mio partito, sono a conoscenza e parte integrante dell’impegno che ogni giorno la Lega mette in atto sul territorio a difesa della famiglia, a sostegno dei minori, a supporto dei genitori. Perché essere un figlio, un padre o una madre sono dei privilegi che vanno tutelati.” 

Con il Registro entrambi i genitori, separatamente o congiuntamente, potranno annotare la loro domiciliazione legandola al nominativo del figlio in modo che l’amministrazione comunale possa conoscere i loro riferimenti rendendoli così partecipi in egual misura di ogni comunicazione che riguarda il figlio minore. Tutto ciò per garantire quanto più relazioni affettive salde e cooperazione nella crescita, assistenza, educazione ed istruzione della prole.

“Ribadisco come il Registro della Bigenitorialità sia uno strumento fondamentale per l’affermazione del diritto del figlio a fruire dell’apporto educativo ed affettivo di entrambi i genitori, e faccio un plauso all’Amministrazione tutta per il contributo dato ai ragazzi ed alle famiglie. La Lega presente in Amministrazione, con la sottoscritta e tutti gli altri fra consiglieri ed assessori, continuerà a lavorare con impegno in questa materia per rendere ancora più forte l’aiuto e la tutela a famiglie e ragazzi”.

Il Registro  permette una maggiore tutela dei figli, garantendo la presenza del padre e della madre, quali figure centrali nel loro percorso di vita, educativo, affettivo e psicologico. Il Registro è stato già approvato da diversi comuni a geometria politica variabile come Milano, Verona, Bologna, Siracusa, Parma e Savona.

Grande importanza ha avuto nel raggiungimento di questo fondamentale obiettivo l’apporto della associazione ADIANTUM (associazione di aderenti nazionali per la tutela dei minori), con la collaborazione dell’associazione SeparAzione Papà di Ascoli Piceno. L’associazione ha fatto sentire la propria voce in ambito nazionale e locale chiedendo l’istituzione del registro. Lo scopo è stato sempre e innanzitutto la salvaguardia e la tutela dei minori che si trovano a vivere, loro malgrado, situazioni complesse con i propri genitori per via della separazione.

“Il registro è stato realizzato – dichiara Alessio Pagliacci, consigliere comunale e presidente della Commissione Revisione e Statuto – grazie alle sollecitazioni derivate dalle numerose associazioni. E’ uno strumento in più messo a disposizione delle varie situazioni. Sostanzialmente non va tanto sottolineato il risultato, ma il percorso avviato. Il Comune deve proseguire nel recepire le sollecitazioni. Sia il Sindaco, sia l’assessore Brugni sono stati molto sensibili a questo proposito. Mettere al centro i bambini è fondamentale”.

A brevissimo sarà possibile, per i genitori interessati, effettuare l’iscrizione al registro della bigenitorialità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *