mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Marche > Le Cocce: ricette ed utensili tra storia e nuove proposte

Le Cocce: ricette ed utensili tra storia e nuove proposte

le cocce

ASCOLI PICENO – Sarà inaugurata oggi, mercoledì 5 febbraio 2020, alle ore 19:00 presso il Museo dell’arte ceramica in Piazza San Tommaso a Ascoli Piceno la mostra sulla tradizione ceramica popolare: “Le cocce: ricette e utensili tra storia e nuove proposte”. La mostra è patrocinata anche dal Comune di Massignano e sarà possibile visitarla fino al 15 marzo 2020.

Il programma dell’evento è organizzato in una serie di appuntamenti che si svolgeranno dalla data di inaugurazione fino alla fine della manifestazione prevista per il 15 di marzo. La giornata inaugurale si apre con un convegno incentrato sulla valorizzazione delle produzioni artigiane e culinarie del territorio piceno. Lo scopo è evidenziare e proteggere queste attività e i loro manufatti, elementi fondanti l’immagine e le peculiarità tipiche del comprensorio.

I musei di Massignano, Montottone e Ripatransone, oggi custodi di molte opere appartenenti a questa storia, sono depositari, a tutti gli effetti, degli elementi costituenti il pre-design italiano, oggetti che hanno contribuito allo sviluppo della qualità e dello stile del Made in Italy. Durante il convegno, alcuni interventi di carattere storico – divulgativo, precederanno una libera conversazione con i personaggi che in prima persona hanno vissuto questi eventi e possono contribuire alla ricostruzione delle origini storiche di queste attività. L’inaugurazione della mostra, che esporrà una selezione ragionata di oggetti e ricette, sarà preceduta da una riedizione storica del trasporto dell’acqua, a evidenziare la perfetta relazione tra oggetto e suo uso, abilità artigiane idonee a risolvere i bisogni primari della vita quotidiana.

In mostra:

A) Selezione di 70 oggetti storici provenienti dai Musei della Ceramica di Massignano, Montottone e Ripatransone, con tavole descrittive sulle tipologie presenti.

B) Selezione di ricette culinarie picene interpretate e graficizzate dagli studenti del quarto e quinto anno, della Sezione di Arti Figurative dell’Istituto d’Arte Osvaldo Licini di Ascoli Piceno.

C) Presentazione della dieta mediterranea tramite tavole sinottiche a cura della sezione di Biologia della Nutrizione dell’Università di Camerino.

D) Selezione di nuovi prodotti di re-design progettati da designer internazionali e realizzati da ceramisti locali e dal laboratorio di prototipazione rapida della Scuola di Architettura e Design di Ascoli Piceno.

E) Selezione di alcuni prodotti realizzati dalle botteghe degli artigiani coinvolti nella realizzazione degli oggetti di redesign.

F) Risultati della ricerca diagnostica sui campioni storici, a cura dei laboratori di Diagnostica per i beni culturali e di Archeometria e Mineralogia e del Laboratorio di Prototipazione della SAAD, dell’Università di Camerino.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net