domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Manon Lescaut”di Puccini del 14 aprile alle 10 su RAI 5: dalla Scala di Milano

Anticipazioni per “Manon Lescaut”di Puccini del 14 aprile alle 10 su RAI 5: dalla Scala di Milano

manon lescaut alla scala di milano

Anticipazioni per “Manon Lescaut”di Puccini del 14 aprile alle 10 su RAI 5: diretto da Riccardo Chailly per la regia di David Pountney, dalla Scala di Milano

(none)

Nell’ambito della storica collaborazione tra Rai e Scala – che in questo periodo, attraverso Rai Cultura, ha già portato su RaiPlay grandi spettacoli – le grandi opere scaligere arrivano in Tv sulla Rai. 
In onda oggi martedì 14 aprile alle 10 su RAI 5, l’opera “Manon Lescaut” di Giacomo Puccini, diretto da Riccardo Chailly per la regia di David Pountney.

Manon Lescaut è un’opera in quattro atti di Giacomo Puccini.

La prima rappresentazione ebbe luogo la sera del 1º febbraio 1893 al Teatro Regio di Torino, con Cesira Ferrani e Giuseppe Cremonini Bianchi. In questa occasione, l’opera ottenne un successo clamoroso alla presenza del compositore.

Ispirata al romanzo dell’abate Antoine François Prévost Storia del cavaliere Des Grieux e di Manon Lescaut (1731), l’opera fu composta fra l’estate del 1889 e l’ottobre del 1892. Ad allungare i tempi della composizione fu soprattutto la difficile gestazione di un libretto che passò tra le mani di molti letterati – in particolare Marco PragaDomenico OlivaGiuseppe Giacosa e Luigi Illica – e che fu pubblicato da Ricordi senza i nomi degli autori.

Tale girandola di librettisti dimostra, in ultima analisi, come l’unico vero “autore” di Manon Lescaut sia stato Puccini, che tra l’altro sconvolse il piano drammaturgico iniziale eliminando di sana pianta un atto: quello del nido d’amore degli innamorati, tra gli attuali atti primo e secondo.

L’avventura di Manon Lescaut ha inizio pochi mesi dopo il debutto di Edgar, il 21 aprile 1889, il cui parziale insuccesso era stato imputato da tutti alla debolezza del libretto di Ferdinando Fontana. Puccini sta lavorando alla revisione di quest’opera, ma già pensa alla successiva. Inizialmente il titolo prescelto sembra essere Tosca, opera che Puccini porterà sulle scene circa dieci anni più tardi. Ma già il 15 luglio Casa Ricordi stipula un contratto con Marco Praga e Domenico Oliva per un libretto basato sulla Storia del cavaliere Des Grieux e di Manon Lescaut di Prévost.[2] Il soggetto era stato suggerito a Puccini, più di quattro anni prima, proprio da Fontana, il suo primo librettista, il quale gli aveva fatto leggere il romanzo di Prévost e, successivamente, il dramma che, in pieno secolo XIX, vi era stato liberamente tratto da Théodore Barrière e Marc Fournier (Théâtre de la Porte-Saint-MartinParigi, 15 maggio 1853).[3] Il 30 settembre 1889, lo stesso Fontana, un po’ risentito, scrive a Puccini:

«Tre settimane fa essendo andato a Milano seppi che ti eri messo a posto per il libretto. Bene, ne godo. – Spiacemi soltanto un poco che tu abbia scelto la Manon, soggetto che io ti avevo offerto da gran tempo e tu non avevi accettato[4]»

In questo periodo Puccini è impegnato su tre fronti: il rifacimento di Edgar, la composizione della nuova opera, destinata per ora al Teatro alla Scala[5] e il cui libretto risulta pronto il 30 ottobre, con l’eccezione del quarto e ultimo atto;[6] la riduzione de I maestri cantori di Norimberga commissionatagli da Ricordi, per realizzare la quale egli si reca ad ascoltare l’opera di Wagner a Bayreuth (24 luglio).

Nel gennaio 1890 Puccini compone di getto Crisantemi, un breve quartetto d’archi dedicato «alla memoria di Amedeo di Savoja Duca d’Aosta», la cui musica è destinata a confluire nella nuova opera. Nel marzo inizia a strumentare Manon Lescaut, mentre i librettisti consegnano una nuova versione del secondo atto, cui fa seguito, all’inizio di giugno, l’atto IV. Quando il compositore critica apertamente alcune parti del lavoro, Marco Praga, all’epoca commediografo di successo, decide di lasciare l’incarico. Ricordi chiama Ruggero Leoncavallo, non ancora affermatosi come compositore, affinché intervenga sul libretto, forse all’insaputa di Oliva, il quale nel frattempo stende la nuova seconda parte del terz’atto, ossia la scena dell’imbarco delle prigioniere a Le Havre che nella redazione finale costituirà l’intero atto III.

La strumentazione dell’atto I è completata nel gennaio 1891 e nei mesi successivi buona parte dell’opera, destinata ora alla stagione di carnevale 1891-92 del Teatro Regio di Torino, è pronta allo stadio di abbozzo. Dove il lavoro tuttavia si incaglia è nell’atto II. Almeno finché non entra in gioco l’ultimo dei librettisti: Luigi Illica. Insieme a lui, Puccini sopprime l’atto dell’idillio amoroso e trasforma in due atti separati i due quadri nei quali si articolava l’atto III.

Il debutto slitta di un anno. Puccini è impegnato in ulteriori rifacimenti di Edgar, opera della quale segue gli allestimenti, tra cui quello prestigioso al Teatro Real di Madrid, nel marzo 1892. Tornato in Italia, mette a punto con Illica l’atto III di Manon Lescaut, in particolare il concertato, che viene intessuto attorno all’appello delle prigioniere pronte per la deportazione. L’opera è terminata nell’ottobre 1892.