mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Abruzzo > Giulianova, il post: “Trentamila morti non ci hanno insegnato nulla”

Giulianova, il post: “Trentamila morti non ci hanno insegnato nulla”

giulianova

GIULIANOVA – A partire dal 4 maggio, dall’inizio della Fase 2, per molti sembra essere tornato tutto come prima, come se nulla fosse accaduto. Riceviamo molte segnalazioni da parte di cittadini preoccupati, come anche leggiamo post sui vari gruppi cittadini. Ne segnaliamo uno per tutti, rilevato sul gruppo Sei Giuliese se…: “Ragazzi, pare che oltre trentamila morti non siano sufficienti, non ci hanno insegnato niente! Stasera, verso le 18.00 ho portato mia madre, sulla sedia a rotelle, a fare una passeggiata andata e ritorno da via Nievo al Caprice, giusto per farle riassaporare la gioia di vedere il mare.

Ebbene gruppi di tre, quattro o cinque persone in giro (gruppi non distanziati per niente) con mascherina al collo, che non si spostavano al nostro passaggio, gente tranquillamente sulle panchine, ragazzi a giocare a pallacanestro senza nessuna protezione, amici in giro a passeggiare senza protezioni. Ci meravigliamo dell’incoscienza a Milano, a Pescara (guarda caso due centri di contagio), ma li vogliamo raggiungere? Vogliamo passare l’estate in casa? Penso di no. Allora, visto che il buon senso è zero, un appello all’Amministrazione, severità, severità, severità per gli incoscienti, ne va della nostra Italia, dell’economia. Aiutiamoci!”

FOTO: Francesco Di Salvatore

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net