lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Overland 20” del 4 luglio alle 6 su RAI 1: verso l’Africa che cambia

Anticipazioni per “Overland 20” del 4 luglio alle 6 su RAI 1: verso l’Africa che cambia

overland africa 19 luglio

Anticipazioni per “Overland 20” del 4 luglio alle 6 su RAI 1: verso l’Africa che cambia  

Risultati immagini per overland 20 dal marocco all'italia rai

 “Overland 20” viene riproposto in otto appuntamenti su Rai1 da sabato 4 a domenica 26 luglio. Le puntate andranno in onda il sabato alle 6 e la domenica alle 7.05. Un lungo, emozionante viaggio in Africa di circa 9 mesi su rotte tra le più pericolose, dove proliferano diatribe politiche nazionali e internazionali, criminalità, traffico di esseri umani e morte.
Il documentario di viaggio televisivo è raccontato da Beppe e Filippo Tenti, padre e figlio tra i più amati nella storia televisiva d’avventura, che si alternano alla guida del convoglio arancione di questa complessa e delicata missione
La celebrazione delle 20 stagioni del programma, in onda dal 1995 a oggi su Rai1, inaugura la puntata di sabato 4 luglio. Si ripercorreranno insieme i 24 anni di Overland tra ricordi, immagini di repertorio e avventure in giro per il mondo. Overland è quindi pronta a partire da Verona per fare ritorno in Africa dopo 10 anni dall’ultimo viaggio in quella terra così bella e così difficile. Non appena le gomme dei mezzi toccano il suolo marocchino oltrepassato lo Stretto di Gibilterra via nave, ci si scontrerà subito con i primi problemi doganali: una lunga, estenuante attesa farà riconsiderare i tempi di percorrenza stabiliti per raggiungere Dakar, la capitale del Senegal. Una volta superato l’ingresso in Marocco, si lanceranno i mezzi alla volta della Mauritania. Si arriverà a Nouakchott, capitale della Mauritania, attraverso strade deserte che sembrano dimenticate e si approfitterà anche per divertirsi con un po’ di offroad sulle dune del Sahara che minaccioso avanza. Purtroppo emergeranno anche fatti raccapriccianti, come il tema dell’infibulazione ancora praticata e delle tristi storie dei pescatori che, migrati dalle nazioni interne, non avendo mai nemmeno visto il mare, troppo spesso muoiono annegati lungo queste coste.