mercoledì, Settembre 30, 2020
Home > Mondo > Israele “invasa” dagli Arabi. Nuove Ambasciate di Paesi mediorientali dopo l’Accordo di Abramo

Israele “invasa” dagli Arabi. Nuove Ambasciate di Paesi mediorientali dopo l’Accordo di Abramo

Israele

Israele “invasa” dagli Arabi Nuove Ambasciate di Paesi mediorientali dopo l’Accordo di Abramo


Venerdì sera sarà il capodanno ebraico Rosh Ha-Shanah e nei testi sacri vi è scritto che un ebreo deve prepararsi al cambiamento ed al rinnovo di se stesso, cercando di demolire il maggior numero possibile di barriere che la vita gli ha costruito, abbattere il più possibile di ostacoli e barriere; ma anche di comprendere, di perdonare, di entrare nella testa altrui, perché nel bene o nel male anche costui avrà una sua ragione, giusta o sbagliata che sia. 

Cosa di meglio sarebbe potuto accadere se non la pace con nemici lontani, come gli Emirati Arabi Uniti ed il Bahrein. Tanto lontani che rammentano la pace che alcuni anni or sono la Repubblica di San Marino ha siglato nel 1996 con un paese con il quale era entrato in conflitto dalla notte dei tempi, chiamato Svezia. Furono riesumati allora i “dissapori” della Guerra dei Trent’Anni, che per un disguido non avevano aderito alla Pace di Westfalia, e che praticamente perdurava dal 1630. 
Basterebbe anche ricordare che durante la Guerra dei 6 Giorni nel 1967, Israele venne attaccato non soltanto da Libano, Siria, Giordania ed Egitto, ma anche dall’Iraq. 

Nelle guerre di oggi, i nemici lontani significano soprattutto l’invio di rifornimenti economici e di armi a sostegno di coloro che invece combattono nelle vicinanze. Esattamente come l’Iran che rifornisce il terrorismo di Hezbollah e di Hamas

Ci chiediamo se il mondo arabo dovrà adesso dividersi in due distinte facce: quella sciita e quella sunnita. Quanto resta fredda questa guerra non sempre sotterranea? Sono ancora gli URSS (oggi la Russia) e gli USA a dividersi i continenti? 

Mentre sorridiamo con certo innegabile stupore alle notizie provenienti dalla Casa Bianca, poco prima delle elezioni americane, Gaza “sbuffa” lanciando i soliti quotidiani missili. Purtroppo oggi sono due gli israeliani feriti. Il tempo della pace per alcuni dà adito alle rivendicazioni della gioiosa sete di guerra, come quando inneggiarono sui tetti delle loro case, per i missili lanciati da Saddam Hussein, ed uno di questi oltrepassò il bersaglio e colpì un gruppo di festaioli palestinesi della striscia. 
I palestinesi, già: con un governo instabile e tante occasioni perdute, alla mercé di mercenari della morte nascosti dietro alle loro debolezze che ancor di più oggi, non incantano i loro fratelli arabi. 


Alan Davìd Baumann 


Nella foto le mura di Gerusalemme con le proiezioni delle bandiere dei paesi partecipanti all”Accordo di Abramo  

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *