martedì, Aprile 20, 2021
Home > Marche > Jesi, somministrati anticorpi monoclonali a 44enne

Jesi, somministrati anticorpi monoclonali a 44enne

coronavirus

Jesi, somministrati anticorpi monoclonali a 44enne

ANCONA – Sono iniziate ieri, presso la Covid 3 dell’Ospedale “Carlo Urbani” di Jesi, diretta dal dott. Marco Candela, in collaborazione con la dott.ssa Anna Maria Schimizzi, le somministrazioni endovena di Bamlanivimab, un anticorpo monoclonale diretto contro la proteina spike di SARS-CoV-2.

Primo paziente a giovarsene, informa l’Asur, è stato un 44enne risultato positivo al Covid il 21 marzo, portatore di una forma di immunodeficienza e prontamente segnalato dal medico curante.

La struttura jesina, secondo l’Asur Area Vasta 2, “è stata la prima nelle Marche a formulare un progetto in merito a tale trattamento per il quale le evidenze scientifiche in letteratura depongono per una particolare efficacia in fasi precoci in pazienti con sintomi lievi/moderati dove è risultato associato ad una significativa riduzione del numero di visite, accessi in Pronto Soccorso e ricoveri, dati quindi di particolare interesse nella corrente fase della pandemia caratterizzata da un iperafflusso di pazienti Covid nelle strutture ospedaliere”.

La popolazione candidabile al trattamento con anticorpi monoclonali riguarda soggetti di età superiore ai 12 anni, positivi per SARS-CoV-2, non ospedalizzati né in ossigenoterapia per Covid-19, con sintomi insorti entro 10 giorni in presenza di almeno un codificato fattore di rischio, parametri scrupolosamente indicati nel format proposto dalla Covid 3 e condiviso con Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta e Usca, ai quali spetta il compito di attivarne la prescrizione.

La somministrazione, previo consenso informato, prevede una infusione endovenosa degli anticorpi monoclonali in 60 minuti, seguiti da altri 60 minuti di cautelativa osservazione. (ANSA)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *