martedì, Dicembre 7, 2021
Home > Lazio > Cassino, si schianta con il Suv contro due auto per poi dileguarsi: è caccia al responsabile

Cassino, si schianta con il Suv contro due auto per poi dileguarsi: è caccia al responsabile

porto

CASSINO– Erano circa le 2:00 di questa notte, quando lungo via XX settembre, un Suv della Mercedes si è schianto contro due vetture parcheggiate davanti un bar, per poi dileguarsi.

A causa del violento impatto, le due auto sono state distrutte, ma fortunatamente, nessuno è rimasto ferito.

Segnalata la vicenda, sul posto sono subito intervenuti gli agenti di Polizia che hanno raccolto i rilievi.

Al momento, sono in corso le indagini, in modo da rintracciare il responsabile del gesto.

Cassino (IPA[‘kas’sino][4]San Germano fino al 1863) è un comune italiano di 35 969 abitanti[1] della provincia di Frosinone nel Lazio.

Seconda città della provincia per numero di abitanti, fu per secoli il centro amministrativo della Terra di San Benedetto, ed è parte della regione storica di Terra di Lavoro.

Si sviluppa ai piedi del colle su cui sorge la celebre abbazia di Montecassino, in un luogo storicamente strategico per le comunicazioni tra il centro e il sud d’Italia.

Pressoché totalmente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, e per questo nota anche come la Città Martire, è stata totalmente ricostruita nel dopoguerra.

La città di Cassino è posta nella parte meridionale del Lazio, nella parte settentrionale della regione storica della Terra di Lavoro (dall’epoca medievale ai primi del Novecento) e prima ancora, in epoca romana, nella parte meridionale del Latium adiectum[5]. Il centro è collocato alla base del colle chiamato Montecassino, che si eleva fino a 520 metri s.l.m., che si distacca dal Monte Cairo, nella pianura racchiusa dai fiumi Liri e Rapido. La collina è costituita da materiale geologico compatto, che non trattiene le acque atmosferiche, che quindi fluiscono in buona parte nella valle dando origine alle sorgenti del fiume Gari che attraversa la città e che, dopo circa un chilometro, nei pressi delle cosiddette Terme varroniane, si congiunge con il Rapido. Poco lontano dal centro cittadino, nel paese di Sant’Apollinare in località Giunture il Gari si versa nel Liri che diventa così il fiume Garigliano; a causa di questa abbondanza di acque, nella piana in passato si trovavano aree paludose. Notevole è l’importanza della collocazione: Cassino si trova nel luogo dove si restringe la valle del Liri, ben collegata al golfo di Gaeta e al parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, da sempre attraversata da importanti strade congiungenti Roma con Napoli e il resto del Sud Italia.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net