lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, “ricercati”: rintracciati e arrestati un 35enne ed un 63enne

Ascoli Piceno, “ricercati”: rintracciati e arrestati un 35enne ed un 63enne

serrati controlli

Ascoli Piceno, “ricercati”: rintracciati e arrestati un 35enne ed un 63enne

I Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, nella giornata di ieri, hanno concluso due operazioni di sevizio con altrettanti arresti, frutto di un pattugliamento attento del territorio con posti di controllo disposti sia sulle vie di maggiore comunicazione che attraversano la provincia e sia sulle strade meno trafficate in collina, con lo scopo ben preciso di intercettare i soggetti di interesse operativo e di prevenire i comportamenti pericolosi alla guida da parte di alcuni utenti della strada che stanno causando diversi incidenti stradali, spesso con conseguenze letali. Nello specifico:

  • a Montemonaco, i Carabinieri della locale Stazione hanno rintracciato e tratto in arresto un 35enne di origini romene, colpito da un mandato di arresto europeo, emesso dalle autorità romene per una condanna a 1 anno e quattro mesi di reclusione per reati contro il patrimonio commessi nel 2015 in Romania. L’uomo, dopo l’identificazione e le formalità di rito, è stato accompagnato al carcere di Marino del Tronto, a disposizione della Magistratura.
  • A Castel di Lama, i Carabinieri della Stazione, durante un servizio di controllo del territorio, hanno rintracciato e arrestato un 63enne del posto, poiché, all’atto del controllo, è risultato colpito da un provvedimento di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Ancona, dovendo scontare 2 anni di reclusione per reati riguardanti gli stupefacenti, commessi a Castel di Lama nel 2013. L’uomo è stato tratto in arresto ed è ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’attività incessante dei Carabinieri continuerà in modo sempre più incisivo sul territorio provinciale,  sia con funzione preventiva che repressiva, a tutela dei cittadini onesti che sono ancora una volta invitati a chiamare subito il 112, ovvero recarsi  personalmente in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net