venerdì, Gennaio 27, 2023
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “L’Orfeo” di Sartorio del 26 marzo alle 10.20 su Rai 5: dal Teatro Goldoni di Venezia

Anticipazioni per “L’Orfeo” di Sartorio del 26 marzo alle 10.20 su Rai 5: dal Teatro Goldoni di Venezia

orfeo

Anticipazioni per “L’Orfeo” di Sartorio del 26 marzo alle 10.20 su Rai 5: diretto da René Clemencic per la regia di Giancarlo Cobelli dal Teatro Goldoni di Venezia

File:Teatro Goldoni Venezia proscenium arch.jpg - Wikipedia

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi sabato 26 marzo alle 10.20 su Rai 5, l’opera “L’Orfeo” di Rai Cultura ricorda l’attore, regista e mimo italiano Giancarlo Cobelli – nel 10° anniversario della scomparsa – con il suo Orfeo dal Teatro Goldoni di Venezia, opera in musica di Antonio Sartorio su testo di Aurelio Aureli.

Sul podio il Maestro René Clemencic. Protagonisti sul palco Sergio Vartolo, Petya Grigorova, Henri Ledroit, Pedro Linodo, Mieczyslaw Antoniak, Aida Baghramian-Stuber, Gérard Lesne. Regia di Giancarlo Cobelli.

L’Orfeo ( Orpheus ) è un’opera in tre atti del compositore italiano Antonio Sartorio . Il libretto , di Aurelio Aureli, è basato sul mito di Orfeo ed Euridice.

Fu rappresentata per la prima volta al Teatro San Salvatore di Venezia nel 1672. Con la sua netta divisione tra arie (di cui sono circa 50) e recitativo , l’opera segna un passaggio di stile tra l’opera veneziana di Francesco Cavalli e la nuova forma di opera seria

Le reazioni moderne al lavoro sono state contrastanti, con Tim Carter che lo descrive come “un esempio abbastanza triste di un genere con tutti i sintomi del declino terminale … Il viaggio di [Orfeo] nell’Ade sembra quasi una gita scolastica .. Che sia satira o no, questa è davvero una storia triste. “

Trama

La trama è estremamente complicata. Aristeo è il fratello di Orfeo e anche lui è innamorato di Euridice, il che rende Orfeo geloso. Aristeo rifiuta l’amore di Autonoe che si traveste da zingara per stargli vicino e chiede l’aiuto di Achille ed Ercole. Il geloso Orfeo progetta di uccidere Euridice in una foresta, ma Euridice muore quando calpesta un serpente mentre cerca di fuggire da Aristeo. Orfeo parte per gli inferi per riportare in vita Euridice. Plutone, il sovrano degli inferi, è conquistato dal suo canto e rilascia Euridice a condizione che Orfeo non la guardi prima di aver raggiunto la terra dei vivi. Ma Orfeo si volta ed Euridice si perde di nuovo. Aristeo finalmente accetta l’amore di Autonoe e i due si sposano.

Orfeo (in greco antico: Ὀρφεύς Orphéuspronuncia[or.pʰeú̯s]; in latinoOrpheus) è un personaggio della mitologia greca[4].Mappa dei luoghi che, secondo la mitologia, Orfeo avrebbe visitato e legato a sé.

Il nome è attestato a partire dal VI secolo a.C., ma, secondo Mircea Eliade, «non è difficile immaginare che sia vissuto ‘prima di Omero’»[5]. Si tratta dell’artista per eccellenza, che dell’arte incarna i valori eterni[6], ma anche di uno «sciamano, capace di incantare animali e di compiere il viaggio dell’anima lungo gli oscuri sentieri della morte»[7], fondatore dell’Orfismo. I molteplici temi chiamati in causa dal suo mito – l’amore, l’arte, l’elemento misterico – sono alla base di una fortuna senza pari nella tradizione letteraria, filosofica, musicale, culturale e scultorea dei secoli successivi.