martedì, Gennaio 19, 2021
Home > Italia > Attrito Francia-Italia: Parigi richiama ambasciatore a Roma

Attrito Francia-Italia: Parigi richiama ambasciatore a Roma

macron

Si inaspriscono i rapporti tra Francia ed Italia, tanto che la Francia ha deciso di richiamare il suo ambasciatore a Roma, Cristian Masset, per consultazioni.
Lo annuncia una nota durissima del Quai d’Orsay. “La Francia è oggetto da diversi mesi di accuse ripetute, attacchi senza fondamento, dichiarazioni oltraggiose” continua la nota, “Le ultime ingerenze costituiscono una provocazione supplementare e inaccettabile” e ancora, “La Francia invita l’Italia ad agire per ripristinare il rapporto di amicizia e rispetto reciproco, in linea con la nostra storia e del nostro destino comune”. “La campagna per le elezioni europee non può giustificare la mancanza di rispetto per ogni popolo o la sua democrazia. Tutti questi atti creano una situazione seria che mette in discussione le intenzioni del governo italiano nei confronti della sua relazione con la Francia”, prosegue la nota del Quai d’Orsay.

Ieri il ministero degli Esteri francesi aveva duramente protestato per l’incontro del vice premier Luigi Di Maio a Parigi con alcuni responsabili dei gilet gialli. E’ da un po’ di tempo che tra Francia ed Italia i rapporti non sono dei migliori, forse anche perchè in passato la Francia aveva potuto disquisire ed agire in faccende prettamente italiane senza mai ricevere, a torto o ragione “rimproveri”. Ricordiamo gli ultimi casi di “invasione”, quando gendarmi francesi si sono introdotti nel nostro territorio, fatto che poteva essere considerato “atto armato ostile” con tutte le conseguenze del caso.

Se le parole e le azioni del Vice Premier Di Maio possono apparire di dubbio gusto, arrivare al punto di
richiamare l’ambasciatore da parte della Francia evidenzia quanto la Francia sia nazionalista, rispetto all’Italia, che ha subito probabilmente offese più gravi ma ha sempre avuto rispetto del buon vicinato, forse troppo spesso apparendo non Nazionalista ma Europeista.
Quell’Europeismo che la Francia sventola come bandiera, ma che con questa azione dimostra di essere solo a parole.

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *