domenica, 15 Dicembre, 2019
Home > Italia > La famiglia Mastropietro:”Ora la Procura agisca contro Oseghale e chiarisca su interpreti”

La famiglia Mastropietro:”Ora la Procura agisca contro Oseghale e chiarisca su interpreti”

mastropietro

Riceviamo dalla famiglia Mastropietro e pubblichiamo: “Riscontriamo con stupore l’ultimo comunicato della Procura di Macerata, con il quale si rispondeva ad alcune nostre riflessioni e dubbi riguardanti la possibile esistenza della mafia nigeriana a Macerata e nelle Marche, in base al quale, la suddetta ipotesi, sarebbe stata categoricamente esclusa.
Se, in linea generale, non siamo noi a dover spiegare che, molto,in una indagine, dipende dalla sua impostazione, e che certi elementi, di sicuro, non spuntano fuori da soli, per venire al caso di specie,vorremmo ricordare, ad esempio, che fu proprio il procuratore Giorgio a denunciare pubblicamente il fatto (riportato da diversa stampa) che l’interprete nigeriana inizialmente incaricata della traduzione degli atti processuali su Oseghale, gli lasciò, ad un certo punto, il lavoro incompiuto sulla scrivania, rifiutando di proseguire l’incarico e rendendosi addirittura irreperibile.

E che ulteriori difficoltà ci furono per trovare altri interpreti, sia per il particolare dialetto da tradurre, sia per le paure di minacce o ritorsioni che questi temevano per sé stessi o, addirittura, per i loro parenti in Nigeria.
Ebbene, riteniamo che sia lecito, legittimo e doveroso avanzare le nostre ulteriori perplessità al riguardo ed  ipotizzare la possibile presenza, così le cose, di una organizzazione criminale ben strutturata, e transnazionale, la sola in grado- evidentemente- di raggiungere un livello di intimidazione tale da incutere un così intenso timore al punto da far rinunciare delle persone ad un incarico da parte di una Procura.

Sarebbe interessante sapere, allora, se delle indagini siano state svolte anche in questo senso, dal momento che, il fatto in sé, così riportato, è certamente grave, e quali siano stati i relativi risultati.
Peraltro, risulta difficile non immaginare che non possa di sicuro esserci mafia nigeriana a Macerata, se le Marche tutte siano sotto il controllo dei Maphite (famiglia Vaticana,in particolare),come riportato dalla Dia nel rapporto al Parlamento sulla propria attività, riguardante il secondo semestre 2018.

Per cui, nessuna insinuazione: gli organismi pubblici- tutti- non possono ritenersi esenti da critica, soprattutto in casi eclatanti, come quello di Pamela, che hanno scosso una nazione intera, e dopo una sentenza-quella di condanna di Oseghale- che ci ha dato ragione su diversi punti importanti,a lungo ignorati, o non approfonditi, in fase di indagine, ed anche dopo, nonostante le nostre istanze. Organismi  pubblici che, a nostro avviso, non hanno saputo cogliere, quantomeno nella loro interezza, la pericolosità di quel che stava maturando in quella città e che poi si è rivelato a tutti, tra l’efferato omicidio della giovane ragazza, una tentata strage, e decine e decine di arresti di spacciatori nigeriani, insediati ed operativi già da tempo nel capoluogo marchigiano, diversi dei quali individuati a seguito proprio delle indagini scaturite dai fatti del 30 gennaio scorso.

Sull’archiviazione di Lucky Desmond, abbiamo già fatto le dovute considerazioni: ferma tuttora la nostra convinzione che Oseghale non fosse solo, ci aspettiamo adesso che la procura dia seguito alla contestazione dei reati indicati nel medesimo provvedimento contro i soggetti colà individuati. Non deve passare il messaggio che, a Macerata, chiunque possa accusare qualcun altro di reati gravi, senza poi subirne le conseguenze, in caso di manifesta falsità ed in un caso di rilevanza come quello in commento. Oseghale in primis.

D’altronde, se si fosse fugato ogni dubbio prima, anche sull’attendibilità e fondatezza delle dichiarazioni di diversi soggetti,che pure hanno riferito circostanze sulla morte di Pamela, forse non ci sarebbero stati dei passaggi che, per noi, oggettivamente, erano evidentemente obbligatori.
Quanto poi al processo per spaccio internazionale caduto in prescrizione, fatalità sempre nell’annus horribilis, dopo la presa di distanze da qualsiasi responsabilità, ci saremmo aspettati un commento, da parte del Procuratore Capo, su una vicenda comunque grave, sia per l’esito che l’ha contraddistinta, sia per i fatti in sé, lì contestati: perché, anche qui, è irragionevole pensare che una attività di quel genere, che aveva coinvolto Porto Recanati, e che certamente aveva un enorme allarme sociale, non potesse avere dei collegamenti anche con la stessa Macerata, che dista pochi chilometri, e dove, a tutt’oggi, come detto, sono numerosi gli arresti per spaccio, con la contestazione di migliaia di episodi di cessione di sostanze stupefacenti. Rimaniamo a disposizione della Procura, naturalmente, per un confronto sulle rispettive posizioni, nell’interesse comune della Giustizia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: