domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 14 febbraio 2021: governo Draghi “grande ammucchiata”?

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 14 febbraio 2021: governo Draghi “grande ammucchiata”?

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 14 febbraio 2021

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 14 febbraio 2021: governo Draghi “grande ammucchiata”?

Questa sera, a partire dalle 20.30, su La7, tornerà sugli schermi l’amata trasmissione Non è l’Arena, condotta da Massimo Giletti che, come sempre, tratterà i temi più scottanti dell’emergenza sanitaria, politica e sociale.

Nel corso di questa puntata si parlerà della formazione di governo di Mario Draghi.

“Le grandi aspettative degli italiani – ha commentato Giorgia Meloni – sull’ipotesi di un Governo dei “migliori”, in risposta all’appello del Capo dello Stato per fare fronte alla drammatica situazione dell’Italia, si infrangono nella fotografia di un Esecutivo di compromesso che rispolvera buona parte dei Ministri di Giuseppe Conte.

Mi chiedo se i cittadini, gli imprenditori, i lavoratori e tutte le persone in difficoltà si sentano rassicurate dall’immagine che vedono. Sono convinta più che mai che all’Italia serva un’opposizione libera e responsabile”. 

Sono otto, su un totale di ventitre’, le donne ministro del governo Draghi, mentre gli uomini sono quindici. La compagine ‘rosa’ del governo è composta da Marta Cartabia, Luciana Lamorgese, Mariastella Gelmini, Mara Carfagna, Fabiana Dadone, Elena Bonetti, Erika Stefani e Cristina Messa. Gli uomini sono Dario Franceschini, Andrea Orlando, Federico D’Incà, Vittorio Colao, Renato Brunetta, Massimo Garavaglia, Luigi Di Maio, Lorenzo Guerini, Daniele Franco, Giancarlo Giorgetti, Stefano Patuanelli, Roberto Cingolani, Enrico Giovannini, Patrizio Bianchi e Roberto Speranza. 

Otto ministri sono tecnici. Si tratta in particolare di Marta Cartabia (Giustizia), Luciana Lamorgese (Interni); Vittorio Colao (Innovazione tecnologica); Daniele Franco (Economia), Roberto Cingolani (Ambiente e transizione ecologica); Enrico Giovannini (Infrastrutture e Trasporti), Patrizio Bianchi (Istruzione) e Cristina Messa (Università).

Sono sette i ministri del governo Conte Bis confermati nel governo Draghi, che registra 16 new entry. Tra i 23 ministri del governo Draghi, 17 hanno già ricoperto ruoli di governo mentre sei sono esordienti. Questi ultimi, particolare sono Marta Cartabia, Daniele Franco, Roberto Cingolani, Patrizio Bianchi, Vittorio Colao e Cristina Messa.

Sono 4 i ministri del M5S del governo Draghi, tre quelli del Pddi Forza Italia e della Lega uno di Leu ed uno di Italia Viva. In particolare sono del M5S Luigi Di Maio, Stefano Patuanelli, Fabiana Dadone e Federico D’Incà. Del Pd sono Andrea Orlando, Lorenzo Guerini e Dario Franceschini. Di Forza Italia sono Renato Brunetta, Mariastella Gelmini e Mara Carfagna. Della Lega sono Erika Stefani, Giancarlo Giorgetti e Massimo Garavaglia. Di Iv è espressione Elena Bonetti. Di Leu è espressione Roberto Speranza.

“Il Governo Draghi: grande coalizione o, come dice qualcuno, grande ammucchiata?Che sensazione vi dà questo “Tutti insieme appassionatamente”?”, si chiede Massimo Giletti, in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook. Ospiti in studio: Maurizio Lupi, Tommaso Cerno, Daniela Santanchè e Gianluigi Paragone.

Si tornerà inoltre a parlare del caso Genovese.

“Se fossi innamorata di lui, non lo so. Ma a questa persona io mi ero affezionata molto e tuttora gli voglio ancora bene”: così aveva raccontato a “Non è l’Arena” su La7 una delle ragazze che accusano Alberto Genovese di stupro. A discutere in studio dell’amaro argomento della violenza sulle donne Asia Argento, insieme ad Andrea Catizone Folena e Pietro Senaldi.

Appuntamento questa sera su La7, quindi, per una nuova eplosiva puntata di Non è l’Arena.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net